24 maggio 2017

Tartellette alla frutta con crema pasticcera


Con calma (almeno apparente)...mentre in casa regna il silenzio e prima che la mia giornata lavorativa abbia inizio,  mi ritrovo nuovamente di fronte alla mia tazzina di caffè, al mio pc e ad una nuova ricetta da condividere. I giorni appena passati sono stati intensi, caotici, tanto da farmi perdere momentaneamente il contatto con la mia realtà virtuale.....si vabbè.....virtuale si fa per dire, al telefono, fiumi di parole e tante belle e buone risate si sprecano...ahahahahha.  Non sapete che voglia ho di riprendere il solito tran tran in cucina...penso anche che questo mio essere sempre con l' acqua alla gola, sia in definitiva il pane per i miei denti. In fondo io sono così......nevrotica, fumina....ahahahaah.....una che quando parla sembra sempre alterata, sono un "Maresciallo" che rompe le palle...sempreeeeeeeee.....potrei forse quindi circondarmi di tranquillità e pace?!?!?!? Non direi. Mi dovete prendere così, rumorosa ma concreta, pensierosa ma sempre dentro al pezzo...un pò uno spirito libero che non vuole imposizioni ecco!!!! Comunque.....vediamo...allora ...allora...oggi andiamo ancora di fragole (frutto che adoro e che non posso fare a meno di comprare), ma nello specifico, andiamo di tartelletta fatta in casa....io ne vado pazza. Quando la domenica, dopo il solito pranzo arrivava il momento di portare in tavola il vassoio con le pastarelle io non avevo dubbi....tutto ciò che aveva la frutta diventava la mia unica scelta...i pasticcini con la crema e le fragole poi, nessuno doveva toccarli. Oggi quindi......pensando ai ricordi ma sempre a ciò che amo di più cucinare (e mangiare), proviamo a prepararci da soli i gusci di pasta frolla ma non spaventatevi....è una roba più facile di quel che sembra, basterà avere uno stampino di quelli rotondi con bordo ondulato e uno stampo per mini muffins da utilizzare come "cavia" in questa impresa. La scelta della pasta frolla potrà essere anche personale, io a sto giro ho optato per una Napoli alle nocciole ma non limitate la vostra fantasia....quello mai. 


Tartellette alla frutta con crema pasticcera

Ingredienti
(per circa 50 mini tartellette)


240g di farina per frolla (W150 - 160)
60g di polvere di nocciole (ottenuta da nocciole tostate e poi polverizzate in un cutter)
125g di burro a temperatura ambiente
125g di zucchero a velo
1 uovo medio
scorza di 1 limone non trattato

600g circa di crema pasticcera
250g di fragole fresche (o altra frutta)


OCCORRENTE

1 stampo da mini muffins
pesi per crostata
mini pirottini di carta
taglia pasta circolare con bordo ondulato (5/6cm di diametro)


Procedimento


Preparare la pasta frolla montando il burro a pomata nella ciotola della planetaria; unire lo zucchero a velo, la scorza del limone, l' uovo intero e una volta assorbito, unire la polvere di nocciole e la farina; lavorare il minimo necessario. Una volta ottenuto l' impasto, lasciarlo riposare in frigorifero avvolto nella pellicola per alimenti, per almeno un' ora.

La pasta frolla ottenuta si potrà conservare in frigorifero per 2/3 giorni al massimo; in congelatore per 30 giorni, chiusa ermeticamente.

Preparare i cestini di pasta frolla cominciando a stendere la pasta frolla ad uno spessore di circa 4mm, con il taglia pasta circolare ottenere tanti dischetti; con questi foderare gli stampi facendo aderire bene la pasta alle pareti, bucherellare con una forchetta, adagiare su ognuno un pirottino di carta e i pesi per crostata. Cuocere in forno preriscaldato, modalità ventilato a 160°C per circa 15 minuti poi estrarre lo stampo dal forno, eliminare pirottini e pesi per torta e proseguire la cottura per altri 7/8 minuti, fino a che avranno raggiunto un bel colore ambrato. Sfornare e lasciare raffreddare. Farcire ogni tartelletta con la crema pasticcera e con la frutta precedentemente lavata, asciugata e tagliata a piacere. Conservare in frigorifero e consumare in giornata.

NOTA: la polvere di nocciole può essere sostituita con la polvere di qualsiasi altro frutto secco a guscio, in pari quantità; le tartellette già cotte possono essere conservate (senza essere farcite), fino a due - tre giorni ben chiuse in un contenitore o in un sacchetto per alimenti.



Share:

12 commenti

  1. oh...Ben tornata.. io sono entrata qui un sacco di volte sta mattina per vedere se ci stavano novità....
    oggi è nuvoloso e se non mi sbrigo a portare fuori la belva come la chiamo io mi vien giù il diluvio..ma prima scrivo due righe.
    sto pure per impastare la frolla per la crostata, perché mi chiama mio cognato con la scusa della cenere da mettere al basilico per allontanare le lumache e finisce col dirmi "ma, quando la fai la crostata con la cioccolata?" ecco...per dire..Io ormai faccio la tua frolla magra per la "sister's family" e quindi vado di quella, ma questa Napoli con le nocciole me la faccio per me.. hihihiii dici che se faccio la forma grande va bene uguale...?
    tra l'altro sta mattina ho inaugurato la stagione delle marmellate iniziando con le ciliegie... e ho un ordine di 5 kg di fragole da dover ritirare in un'aziendina Bio che sta apiù di un'ora da casa, ma io non resisto.... ecco, forse du fragole le rimedio.. sa dici?
    per il resto, lo sai che io ti adoro così bella, chiassosa, con la voce super sexi e pure scassa minchia che me frega...
    io però dopo la crostata faccio la tua ultima tortina che ancora devo provare...
    ;)
    baci baci,...
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mio bello....il messaggio c'era, sono io che sono di fuori come i terrazzi😃😃😃😂😂😂😂...devi avere pazienza perché sarò sempre più incasinata ma sempre presente con il pensiero!!!!

      Elimina
  2. Complimenti amica mia sono splendide....si vede che sei una pasticcera!!!
    Un bacione a te donna speciale, forza della natura!

    RispondiElimina
  3. Ciao Gabi del mio cuore..
    avevo scritto un commentino subitissimo ieri, ma si vede che si è inceppato..
    volevo dirti che ho fatto la tua torta integrale con le fragole...
    io ho messo le ciliegie, perché quelle avevo ed ho fatto l'esperimento della sostituzione delle uova con i semi d lino (ho visto che una signora lo domandava..). E' fantastica... è venuta bene anche così... con la dose della Ross.. 1 cucchiaio di semi tritati e 3 di acqua calda, fatti ammorbidire 5 minuti... li ho poi montati col minipimer (Deo se montano!) aggiungendo l'olio a filo... e poi ho unito miele (non avevo lo sciroppo). quindi ho proseguito come dici tu.. è bella alta.. morbida e buonizzima...
    Baci cuore.. mo' tocca a ste tartellette!
    ti voglio bene..
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella Manu...sei un fenomeno, ne ho fatta anch'io una con l'uovo di lino....stupenda certamente come la tua!!!! Baci cuore a te❤️❤️❤️❤️

      Elimina
    2. allora aspetto la tuaaaaaaaaaa! <3 <3 <3 che gustooooo!
      marmellata ciliegie secondo round oggi pomeriggio....
      che bello Gabi...che gioia vorrei "spataccare" sempre ...
      Ti voglio bene...

      Elimina
  4. Come sono belle! Le mangerei tutte. I cestini di frolla sono venuti benissimo. Io non riesco mai a farli così precisi e non capisco dove sbaglio. Se dovessi rifarli seguirò sicuramente le tue preziosi indicazioni! Sarà forse che non ho i pesetti. Uso i fagioli secchi, ma non è la stessa cosa! Anche la crema pasticcera si vede quant'è buona! Bravissima! Un saluto!

    RispondiElimina
  5. Ciao buongiorno! Che meraviglia.. Avrei una domanda: Ma lo stampo lo imburri o adagi la pasta frolla così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno...lo stampo, quando si tratta di frolle non lo imburro poiché la pasta è già molto grassa di suo😊🙌

      Elimina
  6. Grazie mille, gentilissima. La prossima settimana la provo senz altro!

    RispondiElimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig