1 ottobre 2017

Crostata vegana al malto d' orzo con mele e prugne - VEGAN RECIPE



Quando arrivo a questo dell' anno da una parte mi sento svuotata, consumata, quasi sempre con qualche chilo in meno...anche al limite delle forze perché l' estate per me è come una continua guerra....lavoro stressante, mille buchi da tappare, tante le situazioni in cui stare....tanto "bellissimo, straordinario e benedetto" lavoro con foto e ricette che però riesco a godermi poco dati i tempi sempre massacranti ed esigenze enormi a cui far fronte. Quando arriva settembre però posso contare su una strada percorsa a metà....mi dico sempre "Gabi dai..il più è andato" e la mia salvezza è quella di non pensare troppo, lascio sempre le frustrazioni e le ansie ben nascoste (ma ovviamente le sento presenti e pressanti).... e mi dico ancora che ci sarà chi capirà e anche chi mi aspetterà un po' più del dovuto tanto alla fine so sempre come farmi perdonare ^_^. In corso ci sono un bel po' di cosette belle belle.....qualcosa svolto a quattro mani ma non chiedetemi di più...primo perché non amo parlare troppo, di solito non dico ma faccio ed è poi chi vuole vedere sul serio ad accorgersi dei cambiamenti e secondo perché bisogna in qualche modo mantenere una sorta di "segreto professionale"...ahahhhahah....nemmeno fossi chissà chi!!!!!! Ad ogni modo oggi una crostata diversa dal solito, senza zucchero ma con tanta frutta, un dolce che amo per le mie colazioni semplici e leggere, anche sane direi che mi danno tanta soddisfazione. Chi mi conosce un po' di più sa che esiste un lato di me al quale piacciono le cose poco dolci, preparate davvero cercando di mantenere un' alimentazione sana e corretta...poi esistono anche situazioni in cui non si possono avere alternative...ovviamente....ma quando posso preferisco togliere quello che non serve (in questo caso lo zucchero) e aggiungere ciò che invece serve eccome (in questo caso la frutta). Dorhouse perdonerà per il mio piccolo ritardo sulla tabella di marcia e voi  perdonerete le mie lunghe assenze estive, prometto quindi più puntualità e più costanza...giurin giurello!




Crostata vegana al malto d' orzo con mele e prugne



Ingredienti
(per uno stampo di 22cm di diametro)

250g di farina tipo 1
60g di malto d' orzo
60g di latte di soia
50g di olio di riso
4g di lievito per dolci
1 pizzico di sale
la scorza di 1 limone non trattato


3 mele Golden
1 baccello di vaniglia
2 cucchiai di sciroppo d' acero
100g di composta di prugne
3 cucchiai di farina di mandorle

latte di soia q.b.
mandorle in lamenelle q.b.

Procedimento

In una ciotola abbastanza capiente setacciate la farina unita al lievito; in un barattolo di vetro munito di chiusura ermetica unite il latte di soia, l' olio e il malto e dopo averlo sigillato bene, agitatelo in modo da emulsionare bene gli ingredienti. Versate i liquidi sulla farina, unite la scorza del limone, il pizzico di sale e con l' aiuto di un cucchiaio di legno lavorate brevemente in modo da amalgamare gli ingredienti; passate poi su un piano di lavoro leggermente infarinato per formare un panetto che poi dovrete avvolgere in della pellicola per alimenti. Lasciate riposare la pasta ottenuta per circa mezz' ora in frigorifero ma unicamente per renderla più lavorabile, per esigenze potrete anche utilizzarla subito per la ricetta. Nel frattempo sbucciate le mele, eliminate il torsolo e tagliatele a fettine non troppo piccole, mettetele a cuocere insieme al baccello di vaniglia tagliato longitudinalmente e allo sciroppo d' acero. le mele dovranno risultare morbide e il liquido di cottura si dovrà assorbire quasi completamente. Dopo aver  allontanato dal fuoco le mele, unitevi anche la composta di prugne, eliminate il baccello di vaniglia e amalgamate ma senza lavorare troppo, questo per non rompere la frutta. Estraete la pasta dal frigorifero, stendetela sopra ad un foglio di carta da forno ad uno spessore di circa 4mm e rivestite uno stampo per crostate con il fondo amovibile, ritagliate la pasta e la carta in eccesso (utilizzo la carta da forno in questo caso solo per evitare problemi dopo la cottura poiché si tratta di una "frolla" non proprio tradizionale). Ritagliate un disco di carta da forno e posizionatelo sopra la pasta, mettete poi i pesi per crostata e cuocete in forno preriscaldato a 160°C per 15 minuti circa. Estraete quindi lo stampo dal forno, eliminate pesi e carta e cospargete il fondo con la farina di mandorle, versate sopra le mele ormai tiepide e con la pasta rimasta, formate il classico reticolo delle crostate. Spennellate con poco latte di soia e cospargete con le mandorle in lamelle. Infornate nuovamente (forno preriscaldato a 170°C) e cuocete per circa 40 minuti, fino a che le mandorle risulteranno dorate. Sfornate e lasciate intiepidire prima di servire. La crostata con i giorni subirà la componente "umidità", la pasta quindi tenderà a perdere l' iniziale fragranza, per questo consiglio di consumarla nel giro di pochi giorni.


NOTE: sono possibili varianti, senza alcun problema potrete sostituire il malto d' orzo con un' altro sciroppo a piacere (sciroppo d' acero, sciroppo di riso, o miele), se non seguite una dieta vegana potrete anche optare per un latte vaccino intero o parzialmente scremato e anche la farina di mandorle potrà essere sostituta da una di nocciole o di pistacchi. Le mele potranno essere sostituite da una qualsiasi frutta di stagione e niente comunque vi impedirà di usare una marmellata o confettura qualsiasi al posto della composta di prugne. Insomma libero sfogo alla fantasia ^_^.



Composta di prugne Dorhouse - idee gustose



Share:
© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig