27 febbraio 2016

Cantucci Toscani


I Cantucci Toscani mancavano decisamente all' appello nel mio archivio, non che prima di adesso io non li avessi mai preparati, ma diciamo che ogni ricetta provata, mai mi lasciava veramente soddisfatta. I prodotti confezionati faccio fatica ad acquistarli, sono diventata un pò allergica a certe cose e se non posso fare da sola, preferisco non avere niente da sgranocchiare dopo pranzo o con un mio solito caffè. Se dico Cantucci penso solo alla cucina toscana, a quella povera di un tempo e dato che io quel tempo non ho intenzione di lasciarlo andare via, cerco in ogni modo di tenere viva l' attenzione sulle tradizioni, su ciò che in passato rendeva la vita forse meno semplice ma che regalava soddisfazioni e sapienza. Perchè acquistare prodotti industriali quando in realtà fare da soli è francamente più semplice di quello che si pensi? Io posso solo vantare una grande fortuna e cioè quella di aver vissuto tutta la mia infanzia nell' aia tra emozioni che oggi si fa fatica ad immaginare, sono convinta che la mia sensibilità per certe cose è merito solo di Nonno Beppe (il coltello che vedete in foto era proprio il suo). Nel limite del possibile cercherò di trasmettere alle mie figlie le stesse emozioni, raccontando e mettendo in pratica anche quello che ancora io stessa devo imparare. Oggi allora solo ingredienti semplici e niente burro perchè un tempo era troppo prezioso per utilizzarlo in certe preparazioni; procuratevi una buona farina tipo 2 macinata a pietra (questa la mia scelta), delle mandorle con la pelle di ottima qualità e che Cantucci siano. 



Cantucci Toscani

Ingredienti
(per circa 1.7 Kg di Cantucci)


  • 640g di farina tipo 2
  • 300g di uova intere a temperatura ambiente
  • 440g di zucchero di canna chiaro
  • 320g di mandorle con la pelle
  • la scorza di un' arancia non trattata
  • la scorza di un limone non trattato
  • 2g di sale


Procedimento


  • Su un piano di lavoro pulito, formare una fontana con la farina, unire al centro tutti gli ingredienti ed impastare solo il tempo necessario, fino ad ottenere un composto omogeneo. Per comodità (per non sporcarsi le mani) è possibile amalgamare tutti gli ingredienti utilizzando un mestolo di legno: dopo averli inseriti in una ciotola pulita, lavorare brevemente per ottenere un impasto grossolano. Solo successivamente passare sulla spianatoia per terminare il lavoro.
  • Formare tanti filoncini (stretti e lunghi) e adagiarli su una placca da forno precedentemente rivestita con della carta da forno. L' impasto ottenuto sarà facile da lavorare ma consiglio di procedere velocemente per evitare che si appiccichi alle mani.
  • Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 20 minuti circa, finchè i filoncini saranno belli dorati.
  • Sfornare e lasciare intiepidire pochi minuti.
  • Tagliare ogni filoncino praticando dei tagli diagonali formando così dei Cantucci spessi1,5cm circa.
  • Rimettere in forno e tostare a 160°C per 7/8 minuti circa.
  • Sfornare e lasciare raffreddare.
  • Servire i Cantucci con un buon bicchiere di Aleatico dell' Elba o con un vin santo.
  • Conservare i Cantucci in un contenitore chiuso ermeticamente (lontani da umidità e correnti d' aria); così lasciati manterranno la loro fragranza per quasi un mese.


NOTA: per chi volesse utilizzare una comune farina bianca 00, lascio di seguito le giuste proporzioni tra gli ingredienti.

  • 620g di farina 00
  • 250g di uova intere a temperatura ambiente
  • 430g di zucchero di canna chiaro
  • 320g di mandorle con la pelle
  • la scorza di un' arancia non trattata
  • la scorza di un limone non trattato
  • 2g di sale

Il Procedimento resta invariato.





Share:

9 commenti

  1. Squisito questo biscotto e perfetti direi i tuoi cantucci,non so quando ma li proverò :)

    RispondiElimina
  2. hanno un unico difetto: non si riesce a smettere di sgranocchiarli :-) buon week end

    RispondiElimina
  3. Io li adoro!! Non mettermeli davanti dopo i pasti che ne divoro a decine!!!! bellissimi i tuoi.. dovrò provare anche io con la farina tipo 2.. baci e buona domenica :-*

    RispondiElimina
  4. sono davvero una meraviglia, sai?! Per me sono da dipendenza, ne mangerei a chili...

    RispondiElimina
  5. Che splendidi sono i cantucci! Mi ricordano le vacanze in TOscana, da cui tornavo con sacchettini di queste delizie per tutti gli amici..
    Poi, come dici tu, ho imparato a farli da sola e me li preparo ogni volta che li desidero!
    La tua ricetta e le tue foto sono, come sempre, uno splendore!
    Buon weekend

    RispondiElimina
  6. Gabila che foto meravigliose!!! (vabè che io devo ancora riprendermi da quella insuperabile degli "ovetti panati" ;)
    ciaociao, ;-*

    RispondiElimina
  7. Adesso non ridere per quello che ti scrivo... I tuoi cantucci sembrano essere emersi dalle viscere della terra come reperti di altri tempi, hanno un impasto fatto di storia e sentimento. Sono magnifici.
    Di cantucci ne ho mangiati parecchi ma nessuno mi ha mai conquistato in modo particolare e scopro sola ora che il burro non si utilizzava. Per concludere il coltello del nonno è un gioiellino... Bacio

    RispondiElimina
  8. Sei davvero insuperabile!!! E va be... mi hai convinta(ancora una volta)...li proverò. Ma a furia di provare sta benedetta dieta quand'è che la inizio?😂😉

    RispondiElimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig