27 febbraio 2015

Gnudi Toscani burro e salvia - Gnudi Tuscany butter and sage


Gnudi....nudi e crudi....anzi....nudi e cotti per l' esattezza, cosa sono? Semplicissimi gnocchi Toscani che, se già avete lessato gli spinaci, si preparano in 5 minuti, giusto il tempo di far bollire l' acqua e le palline sono già formate e pronte per essere tuffate in pentola. Gnudi perchè rappresentano il ripieno dei ravioli ma senza la pasta, senza il "vestito"...in pratica GNUDI! In altre parti della Toscana vengono anche chiamati "Strozzapreti" o "gnocchi di spinaci. All' Elba si preparano con la ricotta freschissima di capra o di pecora e con gli spinaci, ma in quanto a verdura, si può scegliere di utilizzare anche delle  bietole selvatiche, delle foglie di borragine o di ortica. In pratica si lessano le verdure (cosa che può avvenire anche con un largo anticipo) e dopo averle fatte raffreddare, le uniamo alla ricotta, alle uova e a poca farina....una manciata di noce moscata...sale e pepe e il gioco è fatto. Poi si apparecchia la tavola e nel frattempo che l' acqua avrà raggiunto il bollore, avrete già preparato gli gnocchi. Quale sarà la loro morte? Conditi con burro fuso e salvia freschissima! 


Volete un piccolo consiglio? Preparatene in abbondanza perché uno tirerà l' altro come le ciliegie...io li mangio anche freddi  e se mi avanza un po' di impasto, lo lascio in frigorifero fino al giorno dopo per poi prepararne ancora.....si è capito che ne vado matta? La proporzione tra verdura e ricotta può variare (o almeno, io lo faccio), preferisco utilizzare più ricotta anche se la ricetta prevederebbe il contrario, ciò non compromette il gusto finale ma diciamo che la scelta rende lo gnocco più personale e a me questa filosofia piace. Quindi sentitevi liberi di fare la vostra scelta...gli Gnudi saranno comunque spettacolari! Per lo stesso motivo, il condimento potrà variare, potrete condire gli gnocchi con del ragù, o più semplicemente, con della salsa di pomodoro, il formaggio appena grattugiato però, sarà d' obbligo! La farina prevista tra gli ingredienti, io la inserisco all' interno dell' impasto e non la uso per infarinare gli gnocchi in fase finale, come avviene in certi casi, in questo modo gli Gnudi avranno la giusta consistenza e risulteranno perfetti anche dopo la cottura e anche il colore resterà  bello vivo.

Gnudi  Toscani burro e salvia

Ingredienti
(per 4 persone)


  • 200g di spinaci lessati e strizzati
  • 300g di ricotta di pecora fresca
  • 30g di farina 0
  • 2 uova
  • 25g di Parmigiano Reggiano
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • noce moscata q.b. (abbondante)


Per il condimento


  • burro q.b.
  • salvia fresca q.b.
  • Parmigiano Reggiano q.b.


Procedimento


Tritare con il coltello gli spinaci e metterli in un recipiente pulito. Unire la ricotta passata al setaccio; unire il formaggio grattugiato, la noce moscata, la farina e le uova sbattute, salare e pepare e amalgamare il tutto. Intanto, in una padella antiaderente, sciogliere il burro e unire la salvia; lasciare da parte. Con l' impasto ottenuto, formare delle palline e cuocere in abbondante acqua salata, gli gnocchi saranno cotti quando verranno a galla. Scolare e saltare brevemente con il burro fuso e la salvia. Spolverare con il Parmigiano Reggiano e servire subito.






Magari per la cena non sarete più in tempo, ma per il pranzo di domani, gli Gnudi potrebbero essere la scelta giusta!!!
 Vi saluto con affetto e come al solito...
BACIO GRANDE!!!



Share:

8 commenti

  1. che favola Gabi e grazie delle belle parole! Le parrezzo molto, ti aspetto per il mio contest, ci conto eh? ;)

    RispondiElimina
  2. Tesoro non ci crederai, ma proprio giorni fa mi chiedevo ma quando li pubblicherà Gaby gli gnudi? eccoli qua, in tutta la loro splendida golosità... anch'io proprio come te li mangio anche freddi.. perchè sono talmente buoni che se ne avanza qualcuno poi va subito spazzolato via...non vedo l'ora di provarli con la ricotta di capra! li ho sempre preparati con la classica di mucca... le foto sono bellissime e come sempre ci raccontano quanta anima c'è in ogni singolo scatto.... tvb amica e grazie per tutto... <3

    RispondiElimina
  3. Ciao! Sono bellissimi e perfetti! non sapevo si trattasse di un piatto toscano!
    Buon week end!

    RispondiElimina
  4. in trentino si chiamano strangolapreti...la mia bisnonna li faceva ma non erano belli come i tuoi!! complimenti!

    RispondiElimina
  5. Gabila, li ho fatti ieri sera seguendo la tua ricetta ... che dire? Sono gli gnocchi più buoni del mondo! :)

    RispondiElimina
  6. Bellissimi :) E' tanto che non li mangio, mi hai fatto tornare voglia...li rifarò presto ;)

    RispondiElimina
  7. sìsìsì la mia mamma li faceva proprio così! è tanto che vorrei farli..che voglia mi fai venire....

    RispondiElimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig