29 gennaio 2015

La Ribollita - Soup for Winter

La minestra Ribollita arriva dalle campagne Fiorentine....RI - BOLLITA...bollita due volte, nasce dalla miseria e dalle esigenze di vita, dagli orari obbligati che la terra imponeva ai contadini. Una Minestra di verdure preparata principalmente con Cavolo Nero, fagioli e con il pane raffermo del giorno prima, ribollita. Quella Toscana non è una cucina "ricca" ma senza dubbio è parsimoniosa (grande qualità questa), certe volte anche frugale ma soprattutto è una cucina semplice e sincera.  I piatti quasi mai sporchi di grasso e non troppo abbondanti...(appesantirsi lo stomaco significa anche appesantirsi il cervello!!!)...a noi Toscani piace stare a tavola e godere di questo grande piacere della vita, mangiando cose semplici ma ricche di sapore. Nonno da bimbetta mi diceva sempre....mangia il pane che ti riempi.....oggi quel pane mi ha fatto ripensare a lui e questa minestra oggi la mangio insieme a te, tu seduto al tuo posto con la sedia imbottita, il fiasco del vino davanti e Corrado alla tv che dice IL PRANZO E' SERVITO...ed io, lì accanto a te che ti guardo mentre tu guardi me.




La Ribollita - Soup for Winter


Ingredienti
(per 4 persone)


  • 300g di fagioli bianchi secchi 
  • 1 mazzo di cavolo nero
  • 1 cipolla bianca
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 2 zucchine
  • 200g di bietola
  • 2 patate medie
  • 1 bicchiere di passata di pomodoro
  • acqua q.b.
  • olio evo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • pane Toscano raffermo (circa 250g)
  • 1 cipolloto fresco (porro)


Procedimento


  • La sera prima mettere i fagioli in ammollo e lasciare per almeno 12 ore.
  • Lessare i fagioli in acqua salata bollente e cuocere fino a che sono morbidi; lasciare da parte senza buttare l' acqua di cottura (servirà per la minestra).
  • Lavare e tagliare a tocchetti le zucchine e le patate; lasciare da parte.
  • Lavare e tagliare grossolanamente la bietola e il cavolo nero; lasciare da parte.
  • Preparare un battuto con la carota, il sedano e la cipolla; soffriggere leggermente in una pentola con dell' olio evo.
  • Aggiungere la bietola e il cavolo nero e lasciarla appassire.
  • Aggiungere le zucchine e le patate e quando anche queste verdure sono morbide, aggiungere la passata di pomodoro; mescolare per far amalgamare gli ingredienti; salare e pepare.
  • Scolare la metà dei fagioli e lasciarli da parte, coperti al caldo.
  • Passare i restanti fagioli e unirli alla minestra con tutta l' acqua di cottura degli stessi; unire altra acqua (se necessaria); arrivare all' orlo della pentola.
  • Cuocere 1 ora e mezza a fuoco lento; unire adesso i fagioli scolati e lasciati da parte; cuocere ancora per 30 minuti; aggiustare di sale e di pepe.
  • Affettare il pane Toscano e unirlo alla minestra bollente e lasciare riposare fino al giorno dopo in un luogo fresco.
  • Prima di servire, rimettere tutto sul fuoco e lasciare ribollire per 15 minuti.
  • Servire la minestra con un filo di olio evo, con del pepe nero appena macinato e con della cipollina fresca appena affettata.






Vi auguro una buona giornata  sperando di avervi scaldato il cuore con questa zuppa...
...ci vediamo presto!!!

Bacio Grande

Con questa ricetta partecipo al contest LaMiaToscana di Ibiscottidellazia 
in collaborazione con VersiliaFormat” 


Share:

31 commenti

  1. In verità mi hai riscaldato il cuore sia col la ribollita che con le foto.... straordinarie entrambe...
    Quindi grazie e buona giornata!
    tam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie di cuore allora...adesso la giornata e' terminata quinti ti do' la buona notte!

      Elimina
  2. Tesoro se riuscissi a trovare il cavolo nero la proverei subito questa zuppa calda saporita confortevole e piena di ricordi per te che riesci a raccontarci anche grazie alla bellezza delle tue foto!! Ti abbraccio forteeeeeee,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché ....da te il cavolo nero non si trova? Intanto anche il abbraccio te!!!

      Elimina
  3. Le parole con cui hai introdotto il post ed i tuoi ricordi rendono tutto ancor più bello :)

    RispondiElimina
  4. Ho sempre mangiato il minestrone, sin da bambina, grazie a mio nonno che me lo preparava spesso, fresco fresco, abituandomi da subito ai sapori buoni... la ribollita la ordino sempre quando sono in Toscana, un po' come la pappa al pomodoro, sono quei piatti che adoro e che non tramonteranno mai, mai, mai... le certezze genuine... quelle vere...
    ps: che bel pentolino, è parente del mio! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le certezze genuine danno una sicurezza in più e si...in effetti devono essere parenti i due scodellini!

      Elimina
  5. Ho sempre avuto una passione per la ribollita, qui in Piemonte non si usa tanto ma mio papà, che è umbro, me l'ha fatta conoscere fin da piccola :)
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È buonissima infatti è a me piace davvero molto cucinarla!

      Elimina
  6. Io la adoro.. è un po' l'essenza della filosofia della cucina toscana, nella quale essere goderecci è proprio arricchire la tavola con i prodotti sani della natura.. legumi, pane vecchio, stupendo olio d'oliva e verdure della stagione (tra cui il favoloso cavolo nero..).. alla faccia del piatto povero in cui si riciclava quanto rimasto in casa, questa ricetta è completa, ricca, nutriente e buonissima..
    ti scalda il cuore e l'anima..
    ..
    ora, detto questo, lasciatemi un minuto di silenzio per queste foto: hai saputo render BELLISSIMA una ciotola di zuppa.. brava ! ps (quel pentolino in rame è davvero taaanta roba)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel pentolino di rame e' il mio nuovo amore...per il resto grazie per avermi scaldato il cuore con le tue parole, questi sono i momenti che amo di più del blog....il confronto arricchisce e dimostra ciò di cui ho bisogno...sincerità e Stimoli. Grazie!!!

      Elimina
  7. io ritornavo da scuola e me la dovevo mangiare da sola, ma poi alla sera, quando la tavola di nuovo brulicava di persone affamate, la ribollita era ancora più buona perchè mia nonna la riscaldava in padella, i sapori si erano amalgamati alla grande e il pane faceva una crosticina croccante goduriosa!!!!! ricordi bellissimi, piatto da urlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è ancora più buono con il passare del tempo!!! Sapevo che avresti potuto raccontarmi la tua storia...

      Elimina
  8. golosa,calda,confortevole,quello che ci vuole in questi freddi giorni,brava

    RispondiElimina
  9. L'ho sempre adorata e apprezzata per la sua bontà e origine. Il fine settimana passato ho fatto una minestra svuota frigo e alla fine mi sono accorta di aver fatto la ribollita solo che ci avevo infilato anche un porro (poverino era solo) e una manciatina di ceci. Il sabato a minestra normale e la domenica col pane. Come son contenta di essere toscana in quei frangenti. Bravissima come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima anche io di condividere con te questa terra...la Toscana e' davvero preziosa così come preziosi sono i suoi piatti! Grazie per essere passata!

      Elimina
  10. Ma che bella principiessa che intravedo nelle foto!!! Bellissima!
    Com'è calda la ribollita.... quanto mi piace la ribollita.... mi hai dato una bella idea per il pranzo di domani! Un bascione!!!!

    RispondiElimina
  11. Da buona Spezzina, con sempre l'odore della toscana vicina, adoro la ribollita; purtroppo qui in veneto chiedere del cavolo nero è come dire bestemmie!!!
    Non riesco a trovarlo!!!!
    Bellissime foto come sempre.
    Lisa

    RispondiElimina
  12. Ho sempre mangiato una sola ribollita, quella fatta da un signore che conoscevo, quando abitavo in Toscana. Una volta in svizzera che ho iniziato a cucinare e apprezzare di più la cucina della mia regione, volendo fare la ribollita, mi son resa conto che qui il cavolo nero nonesiste. A dirla tutta lo trovo solo in Toscana. La farò tra poco per il mio blog, appena scendo a Firenze! Grazie per i ricordi!

    RispondiElimina
  13. L'ho mangiata l'anno scorso per la prima volta e fatta da mia mamma. Non è facile trovare il cavolo nero da queste parti, però mi ha lasciato un bel ricordo, per cui se lo dovessi trovare certamente proverei a farmela!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  14. Ottima la ribollita...magnifiche le tue foto *-*

    RispondiElimina
  15. Stupenda esecuzione di questo piatto a cui sono particolarmente legata. Complimenti.
    Visto che ti cimenti nella cucina toscana, non lasciarti sfuggire il mio contest, sarebbe un piacere averti con me :-)
    Ti lascio il link:
    http://ibiscottidellazia.blogspot.it/2015/01/la-mia-toscana-un-nuovo-contest-tutto.html
    Buon we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro x aver partecipato. Dovresti solo inserire il banner nella sezione del tuo blog dedicata ai contest..intanto inserisco entrambe le ricette ^_^

      Elimina
  16. Gabi che foto!!! La tua affezionatissima fan :) baciooo

    RispondiElimina
  17. Tutto meraviglioso... la ricetta, le foto e le tue parole! Complimenti

    RispondiElimina
  18. Ciao cara, complimenti!!!!
    6 tra le 10 finaliste, ti invito a contattarmi alla mail ibiscottidellazia@gmail.com per i dettagli della giornata del 30 aprile.
    Grazie e felice giornata <3

    RispondiElimina
  19. Quindi consigli di frullare metà dei fagioli?

    RispondiElimina
  20. Quindi consigli di frullare proprio metà dei fagioli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, senza dubbio, regala cremosita' e quindi quella marcia in più ^_^ !

      Elimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig