27 settembre 2014

Risolatte con susine alla sciroppo d' Acero

Un post veloce tanto per non perdere l' abitudine di "correre" sempre in ogni circostanza...una ricetta dolce ma sana, il RISO il grande protagonista di oggi e il tutto sarà condito con frutta fresca e con quello che pare essere adesso il mio GRANDE AMORE, lo sciroppo d' Acero arrivato dal Canada direttamente dalle mani di Margherita....sappi amica mia che hai creato una forte e morbosa dipendenza!

Quando si parla di riso mi emoziono sempre perchè letteralmente lo adoro, lo preferisco alla pasta e mi piace provare varietà diverse dalle solite che si trovano sul mercato magari rovistando tra gli scaffali di negozi specializzati...ho imparato anche ad usarlo in sostituzione del pane e credetemi che dopo ogni pasto mi sento sazia ma mai gonfia e appesantita! Oggi ho comunque scelto un riso "tradizionale" solo perchè per il Risolatte è senza dubbio il più indicato. Ho cotto il riso Originario nel latte di riso per restare "coerente" con la ricetta, se si parla di riso voglio che lo si faccia fino alla fine ecco tutto! 


La cottura al latte  del riso è quella prevalentemente utilizzata quando si parla di ricette dolci, si parte con lo sbiancamento: il riso viene scottato per un minuto in acqua bollente, scolato e sciacquato sotto acqua fredda, in seguito viene messo in pentola coperto con il latte bollente dolcificato o aromatizzato con gli ingredienti del caso se necessario. Di solito le giuste proporzioni su cui fare affidamento sono 1l di latte per 220g di riso crudo che comunque posso variare a seconda della consistenza che si vuole raggiungere a cottura ultimata. Vi rimando qui per chi volesse avere tutte le informazioni del caso, un post esaustivo sulla cottura del riso in generale.


Risolatte con susine allo sciroppo d' acero

Ingredienti
(per tre coppette)

600g di latte di riso biologico
110g di riso Originario
30g di zucchero grezzo di canna biologico
1 cucchiaio di cocco in scaglie
2 cucchiai di sciroppo d' acero
semi di vaniglia (1/2 beccello)
2 susine mature

Procedimento

Lavare ed asciugare le susine, tagliarle a spicchi; in una padella versare lo sciroppo d' acero e parte dei semi di vaniglia; unire le susine e lasciare caramellare per qualche minuto; lasciare da parte. Scottare per un minuto il riso in acqua bollente, scolarlo e sciacquarlo sotto l' acqua fredda. Versare il latte di riso con lo zucchero e parte dei semi di vaniglia in una casseruola, portare ad ebollizione e appena spicca il bollore versare il riso sbiancato; cuocere a fuoco lento per 15 minuti circa. Quando il riso è ancora caldo, unire il cocco in scaglie e servire subito con le susine allo sciroppo.










 BACIO GRANDE 
e Buona Domenica!!!







Share:

15 commenti

  1. Un post veloce dici tu....io lo sto adorando,intando ti dico subito che il riso l'ho sempre amato ma mai "conosciuto" in fondo come lo racconti tu....ora ne sono più innamorata di prima e poi i colori dei tuoi scatti sono così caldi ed avvolgenti che in questa giornata splendida di sole e clima mite mi giungono come una coccola e mi fanno sognare un autunno romantico.....si lo so sembro un pò vintage ed in fondo lo sono davvero!
    Grazie per questo post,bellissimo!
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veloce perchè come sempre non ho mai la grande fortuna di avere TEMPO.....faccio cento cose contemporaneamente e non riesco mai a godermi niente come vorrei...anche il solo gesto di cucinare diventa stress...per le foto non ti dico poi...sempre di furia ad inseguire la luce..poi correre a lavoro come adesso!!! Tu sei stata il raggio di sole oggi! bacio cara!!!

      Elimina
  2. Le foto sono come sempre troppo belle e suggestive del sublime sapore che nascondono..complimenti e felice we <3

    RispondiElimina
  3. ad una prima lettura l'elenco degli ingredienti dolci mi ha sovrastato... poi mi sono resa conto di come hai utilizzato i vari aromi ed ho trovato invece un senso potente nel loro utilizzo reale. Ricetta molto personale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il tuo sia in giudizio positivo....cerco sempre di personalizzare tutto nella vita e in cucina mi riesce sempre!!! Grazie per il bellissimo post sul Riso!!!!

      Elimina
  4. Tesoro che piacere aprire blogger e ritrovarti:* mi piace questa routine familiare, venire a sbirciare nuove ricette e sapere che tutto sta tornando alla normalità... :) ci crede che io il risolatte non l'ho mai preparato? mai mai ... lo mangiavo da piccola, quello che preparava zia... ho sempre pensato che le ricette più semplici bisogna saperle fare e saperle valorizzare con le giuste mosse, passaggi e ingredienti... beh tu come sempre non finisci mai di stupirci anche se si tratta di qualcosa di semplice... davvero speciale questa ricetta... e beata te che c'hai lo sciroppo della marghe!! lo posso dire? :)
    stupende anche le foto:* as usal d'altra parte :*

    RispondiElimina
  5. Anche io adoro lo sciroppo d'acero! Me ne sono innamorata l a prima volta che sono andata negli U.S.a a 17anni. Prima non si trovava così facilmente anche in Italia e cercavo di farne scorte. Ora sono felice che ho la possibilità di usarlo ogni giorno!
    Ricetta molto interessante e proprio nelle mie corde!

    RispondiElimina
  6. Che foto bellissime, sognanti e che ricetta speciale! Questa volta ci sono anch'io ne sono felice.ciao cara

    RispondiElimina
  7. Io ti ho resa felice regalandoti una bottiglia di sciroppo d'acero, tu hai fatto la stessa cosa apprezzandolo e utilizzarlo per fare il risolatte, che io adoro da sempre. Se non é sintonia questa.... facciamo che io ti rifornisco tutti i prodotti da acero e tu mi insegni a fare foto? Che ne pensi? Quelle prugne sembrano "vive"!!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Gabila! Complimenti, ricetta semplice e deliziosa, con un sapore che sento solo guardandola :-) Ciao!! Lidia

    RispondiElimina
  9. Lo adoro in versione dolce, mi piace tantissimo. Lo trovo confortevole e mi riporta sempre in pace col mondo...

    RispondiElimina
  10. siamo sempre tutte di corsa, eppure tu riesci sempre a fare dei capolavori fotografici ! le susine non so mai come condirle e ora mi hai convinta con questo riso e sciroppo d'acero. Margherita è una persona dolcissima e mi immagino che sia stato un pensiero graditissimo!! belle voi

    RispondiElimina
  11. Anche e il tuo tempo è poco, ci metti cura e amore in quel che fai, ed è sempre bello coglierlo dalle tue parole. Il risol al latte per me è semplice e pieno di ricordi, ma questo tuo potrebbe essere una nuova versione. Adoro lo sciroppo d'acero e la vaniglia, potrei mangiarne chili di questa meravigliosa dolcezza!

    RispondiElimina
  12. Anche io ama alla follia lo sciroppo d'acero, ne sono praticamente ossessionata! Quando non lo uso per qualche ricetta ma ho voglia di sentirne il sapore lo metto in un bicchiere di latte freddo: paradisiaco.

    RispondiElimina
  13. Riso dolce al latte....e gli occhi sono lucidi di lacrime. Il cibo coccola della mia infanzia, quello che la mia amata nonnina materna mi portava a letto quando stavo poco bene. Allora non sapevo nemmeno che potesse esistere una tale prelibatezza, come lo sciroppo d'acero...ma ora lo uso appena posso. Ed insieme a lui, 3 anni fa ho scoperto lo sciroppo di datteri, altra 'droga' autorizzata al cottage.
    Le tue foto mi incantano ogni volta...rimango senza parole. Sono VIVE....sono piene, luminose <3
    Un bacio

    RispondiElimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig