1 aprile 2014

Torta (Gluten Free) di mele carote e mandorle

Di solito tutto gira intorno alle persone….è chi mi guarda…chi mi ascolta….chi mi parla che fa la differenza…spesso mi capita di "ritornare" solo dove ho trovato cortesia, dove ho trovato intelligenza ed è per questo che poi nascono i rapporti di fiducia…i rapporti di amicizia…i rapporti umani! Tutto questo preambolo per spiegare il motivo di questa torta senza glutine…concepita per amicizia, per stima e per affetto nei confronti di tre donne speciali: una FORNOSTAR, una THAI PIANIST e una FASHION FLAVORS! Tre amiche  che se prese tutte insieme racchiudono tutto ciò che cerco nel prossimo….onestà, schiettezza, genuinità, semplicità, dolcezza, fragilità, educazione, ironia! Tre amiche  dove la bellezza (quella vera), io la vedo prepotente, non solo guardandole in faccia ma scavando anche infondo ai loro cuori!  

Un contest dove Stefania (la padrona di casa) mi chiede di preparare una ricetta senza glutine, una ricetta che menzioni ingredienti sani ma che soprattutto preveda l' utilizzo della mandorla sotto qualsiasi forma…..io ho scelto di utilizzarla fresca, ho scelto una preparazione dolce, una torta sana, colorata, morbida, umida ma anche croccante….una bella dose di dolcezza ma sempre rispettando lo stile del mangiar sano! Mele, carote e mandorle, il tutto condito con del succo di tiglio e arancio….oserei dire dall'albero alla tavola!  


Ho cercato davvero di preparare una torta che includesse ingredienti genuini e che provenissero quasi esclusivamente dalla nostra terra, una mescolanza di sapori e consistenze che ho accolto volentieri nelle quattro mura di casa mia. Ho anche cercato di presentare la ricetta nel miglior modo possibile perché con Vaty e Benedetta nei paraggi non potevo correre il rischio di fare brutte figure! Ho agito seguendo l' istinto e con la determinazione e la costanza che credo siano la mia forza!



Torta (Gluten Free) di mele carote e mandorle

Ingredienti
(stampo a cerniera da 20cm)

200g di farina di riso integrale
50g di amido di mais
50g di farina di mandorle
180g di zucchero di canna
125g di olio di semi di girasole
125g di succo di Tiglio e Arancio (potete sostituire con succo di mele)
2 uova grandi
2 mele Annurca (grattugiate)
150g di carote
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale
zucchero a velo q.b.
mandorle in lamelle q.b.

Procedimento

Per prima cosa lavare e pelare le carote, grattugiarle con una grattugia e passarle in un colino dove dovranno essere schiacciate in modo da eliminare tutta la parte liquida. Lasciare da parte. Setacciare insieme la farina di riso, il lievito, l' amido di mais e la farina di mandorle e lasciare anche questo da parte. Nella ciotola della planetaria rompere le due uova, unire lo zucchero, il pizzico di sale e montare il composto fino a renderlo bello spumoso, diminuire la velocità delle fruste ed unire a filo l' olio di semi e successivamente il succo di Tiglio e Arancio. Spegnere la planetaria e a mano incorporare le farine precedentemente setacciate (movimenti lenti e dal basso vero l' alto), le mele grattugiate e le carote ormai scolate, mescolare bene ma con delicatezza per non smontare il composto. Versare nello stampo a cerniera rivestito con carta da forno, cospargere con le lamelle di mandorla e cuoce in forno (statico) a 180°C per 40 minuti circa, poi abbassare la temperatura a 160°C e proseguire per altri 10 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare, spolverare con dello zucchero a velo e servire.






Con la speranza di avervi lasciato il DOLCE in bocca,  torno al dovere….si al dovere perché  voi insieme alle mie riflessioni, ai miei dolci, alle mie foto, siete solo il vero piacere delle mie giornate!!! 
Bacio Grande
 e come al solito, alla pressima ricetta!


Con questa ricetta partecipo al contest di Stefania, la FORNOSTAR più famosa del web:


Share:

30 commenti

  1. Da tanto ti seguo e che tu sia brava l'ho pensato fin dal primo passo fatto in questa cucina. Non so bene perché questa volta tu mi abbia colpito, forse per le parole condivise, forse per l'assenza dei latticini (per me obbligata), forse per la scelta delle mele annurche (tra le mie preferite) oppure per la combinazione degli ingredienti che, non ha nulla di così extraterrestre, ma mi ricorda tantissimo la mia infanzia; un'infanzia dolce, semplice e sana ... proprio come il tuo dolce, appunto.
    In attesa di preparalo al più presto e di addentarne una fetta senza nemmeno aspettare che si raffreddi
    ti auguro una buona serata e di incontrare sempre più spesso persone così (ma un pochino me lo auguro anch'io!!!). A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello quello che mi scrivi…..trasmettere quello che io ho trasmesso a te mi fa capire che stare in cucina è la mia strada……grazie davvero Martina, non ci conosciamo bene ma mi auguro che succeda presto!

      Elimina
  2. Che bella che sei Gabila. Sappi che sono i valori che vedo in te tutto quello che hai elencato, sai?
    mi dispiace solo la lontananza perchè, se fosse per me, ci vedremmo tutti i giorni per un caffè e per raccontarci delle vicissitudini del giorno.
    E questa torta gluten free con farina di riso mi ha davvero conquistata. sai che per il pittore cerco sempre ricette a base di farine alternative e so che tu sei ormai la garanzia!!!
    Bellisismo questo tuo post.. come sempre ci lasci senza parole tra testo e foto.
    e che foto!! ormai la tua bravura non ha limiti, ogni volta, ci stupisci sempre!
    ti voglio bene Gabi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amore del mio cuor……se vivessimo vicine sarebbe la fine….ahahahah, la fine perché non ti farei più lavorare e ti rapirei tutti i giorni!!!

      Elimina
  3. Le mele annurche sono le preferite di mio padre e proprio ieri me ne ha date cinque, piccole, perchè mi erano finite... :-)
    Sono convinta che la vita, anche qui, sia fatta di incontri speciali che si alimentano con la presenza e la costanza... solo così i rapporti si approfondiscono, anche se c'è la distanza di mezzo... i cuori possono essere vicini, loro sanno riconoscersi...

    RispondiElimina
  4. Gabi sei tosta davvero, in gamba, schietta e trasparente. Le tue amiche apprezzeranno tantissimo questo dono che gli fai! Da te è sempre tutto perfetto.

    RispondiElimina
  5. La cosa meravigliosa di questo mondo è proprio questo. Ci si incontra, a volte per caso, ma poi ci si sceglie. Le tue parole sono acqua fresca, una ventata di freschezza e pulizia esattamente come sei tu. E questa torta si vede che è pensata e studiata, per il contest, per me. Non sai come mi piacerebbe assaggiarla per davvero.
    E il succo di Tiglio? Adesso mi metto in cerca, perché devo assolutamente provarlo e provare la tua torta così come l'hai pensata tu, perché mi sembra equilibratissima sotto ogni punto di vista.
    Grazie per la tua partecipazione speciale!
    P.s. Delle foto nemmeno ne parlo… parlano loro da sole! :*

    RispondiElimina
  6. ecco la torta che aspettavo da un po'...ho un debole per i dolci con la carota ma questa torta è anche con le mandorle (che io adoro) e le mele (wooow!)...una torta buonissima che sa di casa, di serenità, di rassicurante...una favola insomma! quanto alle foto neanch'io mi esprimo, sei una professionista ormai e sinceramente non so come fai...mi sembri magica *_*

    RispondiElimina
  7. Una torta tutta da scoprire..complimenti!

    RispondiElimina
  8. Brava e bella Gaby, dentro e fuori!!!!
    E questa torta amica mia con e le foto che le hai fatto è davvero speciale, come le donne a cui l'hai dedicata!!!
    Ti abbraccio stretta!!!
    N.b. come va il lavoro nuovo??? Roby

    RispondiElimina
  9. superba...come le "muse" che ti hanno ispirata :)

    buona serata

    RispondiElimina
  10. Le tue parole Gabila mi fanno bene parecchio. É un momento strano, fatto di somme, progetti e riflessioni. Parecchie. Condivido storie e attimi della mia vita con il blog, ma essere un'italiana che vive dall'altra parte del mondo, mi fa sentire inquieta e stranamente incerta. Né carne né pesce per capirsi. Mi ricordo ancora quando a dicembre vidi una tua ricetta su Sale&pepe, provai a scriverti e tu gentilissima mi rispondesti. E sapessi come ne sono stata felice. La tua risposta spontanea, ha avuto il potere di farmi sentire "Margherita, non un pane o una torta di mele. Se Vati, Stefania e Benedetta ti sono amiche ci sarà un motivo. Le relazioni tra le persone non si inventano, né tantomeno si possono improvvisare. A volte certo il destino ci aiuta, ma essere oneste e spontanee é la strada giusta per instaurare rapporti solidi, quelli su cui si può contare. Ecco, ora ho parlato un sacco, e non ho commentato la tua torta... posso usare un solo aggettivo? io la definirei magica. L'arancio di quelle carote e il rosso di quelle anurche mi sono rimaste belle impresse. Le hai fatte diventare meravigliose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se io sono qua a risponderti un motivo ci sarà....per me adesso sei Margherita e basta! E' un periodo stressante dove non ho tempo di fare niente, o meglio, non ho il tempo per tutto quanto ma tu sei in cassaforte e so che quando posso, tu sei li! Un abbraccio fortissimo e grazie per esserti sentita a casa!!!

      Elimina
  11. Buonissima,brava,una fetta la mangerei volentieri

    RispondiElimina
  12. celiaci o no trovo che sia una torta buonissima e perfetta soprattutto per i bambini, molto nutriente ma nello stesso tempo semplice.

    RispondiElimina
  13. e sei un genio in pasticceria e una grande donna nel cuore.
    Sandra

    RispondiElimina
  14. Stamattina guardavo le lunga lista su bloglovin' e vedo la tua foto....Non c'è niente da fare, sono un richiamo irresistibile. Adoro queste foto con fondi scuri...in verità, adoro tutte le tue foto, non c'è nulla da fare. E questa torta? E' il ritratto della bontà, quella autentica...e la farina di mandorle è quel tocco che a me piace, al quale non so rinunciare quando faccio le torte.
    E' sempre un piacere indescrivibile venire qui, per gli occhi e per il palato!!!!

    RispondiElimina
  15. Che buona e sana questa torta, la proverò di certo. Le foto sono davvero raffinate ed eleganti, complimenti.

    RispondiElimina
  16. bella la foto della torta sullo sfondo nero, sembra un quadro preraffaelita, i rapporti umani sono una linfa, e io trovo che i dolci glutenfree non abbiano proprio niente da invidiare a quelli con glutine, anzi spesso rivelano sorprese da giramento di papille...e proprio i rapporti umani mi ci hanno avvicinato:* un baciotto mony

    RispondiElimina
  17. Gabila, bel post, bella ricetta bellissime foto e... Grandissimi pensieri dietro tutto questo.
    Tanta stima e ammirazione Sincera :) ti abbraccio

    RispondiElimina
  18. Una torta meravigliosa per un contest bellissimo! mi piace!!gnammy!!!

    RispondiElimina
  19. Si dice che chi trova un amico trova un tesoro... beh io mi sento così fortunata che non immagini... a dispetto di tutto quello che non va, di tutte le delusioni passate, di quanto sai duro affrontare le difficoltà di tutti i giorni... io so, che quando apro il pc... trovo sempre un modo per star bene... e di questo io ti dico Grazie... i legami che mi ha regalato il web sono diventati pezzi del mio cuore... e condivido con te ogni parola e ogni sentimento elencato...
    La torta è poesia.. come sempre studiata e pensata al dettaglio e le foto sono strepitose... i set scuri sono nel tuo sangue amica... (beh diciamo che tutti i set ti vengono alla perfezione) ma qui io noto una Gaby che esprime tutte le emozioni possibili... ti abbraccio stella:**

    RispondiElimina
  20. Ciao Gabila! E' un vero piacere conoscerti...il tuo blog è stupendo, pieno di ricette interessanti raffigurate in fotografie a dir poco favolose...ti faccio davvero tantissimi complimenti e da oggi mi unisco ai tuoi followers...a presto ;)

    RispondiElimina
  21. E' sempre un piacere leggerti, guardare quelle delizie attraverso la tua macchina fotografica.
    Evviva l'amicizia e tutto quello che di positivo ne esce, perchè al giorno d'oggi c'è bisogno di luce, di profumo di buono, di sentimenti onesti e persone vere, il tutto equilibrato da un pizzico di sorrisi che non guastano mai. Una ricetta ideale ispiratami da questa torta bellissima, sana e rivisitata senza perdere in gusto e guadagnandoci in salute!

    RispondiElimina
  22. Che bella atmosfera hai creato, non solo con le immagini della torta e dei suoi ingredienti, lì disposti in tutta la loro semplice bellezza...ma con le parole e nel descrivere di questa amicizia che a dispetto della lontananza si fa forte della condivisione di una passione e di tante emozioni. Sei da scoprire, Gabila, c'è un po' di te in ognuna di queste pagine...e per me sarà un grande piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verità è che adesso io ho voglia di scoprire te per le belle parole che mi hai regalato oggi!!!

      Elimina
  23. Le tue foto parlano sempre da sole cara Gabila. Le tue parole arricchiscono la magia dei tuoi scatti.
    Complimenti davvero davvero davvero.
    un abbraccio
    Frankie

    RispondiElimina
  24. che meraviglia, che meraviglia... non mi vengono altre parole per descrivere questa torta, queste foto e le tue parole! anch'io ho l'onore di conoscere stefania e sono troppo contenta per lei del successo del suo bel contest.
    questa ricetta la devo fare assolutamente, chissà dove troverò il succo di tiglio, ma lo troverò di sicuro!!!!!
    grazie mille,,a presto

    RispondiElimina
  25. Ciao sembra buonissima ma purtroppo non ho la farina di riso
    Se uso la farina di grano il risultato cambia? E se faccio così è essenziale la maizena?
    Grazie mille :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao....per me puoi provare a sostituire la farina di riso con 250g di farina con glutine eliminando così anche la maizena ;-)

      Elimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig